È difficile sognare

Quante volte al giorno facciamo cose perché dobbiamo?  E quante volte nella nostra vita faremo scelte perché ci sentiremo obbligati?

Dobbiamo andare a scuola, poi ci dobbiamo laureare (ma solo in certe facoltà che altre poi non hanno sbocchi), poi dobbiamo afferrare al volo il primo lavoro che ci propongono (che di questi tempi chissà quando ti ricapita!), poi dobbiamo lavorare ogni giorno per 8 ore, poi ci dobbiamo sposare, poi dobbiamo fare dei figli e poi dobbiamo reiterare tutte queste regole.

Ad alcuni tutto ciò può piacere e non c’è niente di male! Scegliere la sicurezza ha perfettamente senso.

Ma cosa succede se abbiamo un sogno? Uno di quelli grandi, uno di quelli pericolosi. Uno di quelli che ti porta lontano dal sentiero battuto e dritto nel mezzo della foresta.

Allora ci vuole coraggio e ce ne vuole tanto. Sognare fa paura perché nel momento stesso in cui ci concediamo di sognare ci esponiamo alla possibilità di non seguire quel sogno e deluderci o peggio, inseguirlo e non riuscire a raggiungerlo.

Ma se non sogniamo? Allora non solo stiamo rimanendo sul sentiero, ma non stiamo neanche guardando quanto sia bella la foresta attorno a noi.

Io sono una sognatrice da sempre e ora sono a un punto della mia vita in cui devo scegliere. E io voglio buttarmi nel pieno della foresta, correndo, col cuore che batte all’impazzata per la paura.

È difficile sognare, ma siamo ossi duri e ce la possiamo fare.