Moribito, Il Guardiano Dello Spirito – III e ultima parte!

Eccoci a commentare (con un ritardo terribile, mea culpa!) l’ultima parte di questo bellissimo young adult giapponese!

Sono pagine davvero adrenaliniche quelle che ci portano al finale!

Diciamo innanzitutto che una buona dose di inverno in caverna ha giovato molto al buon Chewing gum 😀 finalmente dà meno ordini e si rende più utile. Mi è quasi dispiaciuto per lui quando stava male per le trasformazioni dell’uovo!

La storia di Balsa è molto commovente 😥 allo stesso tempo, però, confido che alla fine lascerà perdere il passato e si sposerà con Tanda ❤ (una delle poche cose sensate che il principino abbia mai detto!).

Se c’è una cosa importante dell’ultima parte è la comparsa di Rarunga. Cavolo, io l’avevo preso sottogamba, lo ammetto! Alla fine invece mi ha fatto una gran paura, non me l’ero immaginato così brutto!

La lotta contro di lui è stata davvero ben scritta, mi ha tenuta letteralmente attaccata alle pagine. I cacciatori non ci hanno fatto proprio un figurone, però è stato bello vederli lavorare insieme ai nostri eroi.

Il finale con il lancio dell’uovo è stato strano, ma molto d’effetto! Peccato, però, che dopo tutta quella battaglia al cardiopalmo, il saluto fra Chagum (sì, sto usando il suo vero nome!) e gli altri sia stato così frettoloso… forse avrei preferito il momento commovente un po’ più approfondito.

Comunque, sono davvero contenta di aver scoperto questo mondo così lontano dai libri fantasy che leggo di solito! 🙂

Voi cosa ne avete pensato??

F.

Annunci

Pubblicato da

Federica

Ho la testa costantemente piena di idee e cerco sempre nuovi modi per esprimerle!

1 commento su “Moribito, Il Guardiano Dello Spirito – III e ultima parte!”

  1. Finalmente dopo EONI, arrivo a commentare anche io il libro! Faro un commento che racchiude il mio pensiero su tutte le tre parti della sfida, ma prima lascerò un consiglio spassionato a tutti quelli che hanno letto il libro: FINITO IL LIBRO GUARDATE ASSOLUTAMENTE L’ANIME. perché? lo spiego dopo.

    Moribito è un romanzo, primo di una serie che ahimè non vedremo in occidente, che mi è piaciuto molto. La prima cosa che mi ha attirato è stata la presenza della protagonista. E’ insolito vedere una donna forte come protagonista di un romanzo Young adult che non pretende di avere un target di genere preciso. Balsa è una protagonista che accontenta tutti e man mano che si va avanti nel libro si scopre molto di più su di lei, sul suo passato e sulla sua missione. Questa scoperta spalmata nel corso di tutta la narrazione contribuisce ad aumentare la figaggine del suo personaggio, ed ha rinforzare le solide basi sui cui nasce. Non solo è una donna forte e cazzuta, ma c’è anche un validissimo motivo per cui è diventare tale! Balsa vale da sola la lettura del libro, ma anche la trama è ben fatta. L’idea di una guerra combattuta sul campo da Balsa, e nelle biblioteche dal buon Shuga mi ha soddisfatto e la trovo ben articolata. Shuga è un gran bel personaggio, perché affronta con sicurezza ( anche nei momenti di timore e paura) il suo percorso da semplice monaco a scopritore della realtà celata al resto del mondo.La vicenda legata alla “maledizione” del secondo principe è accattivante e sorprende molto il lettore, soprattutto quando si scopre la verità su questo presunto infausto evento.Il personaggio di Chagum, arrivato alla fine del libro mi ha un po’ deluso ( avendo visto prima l’anime ) semplicemente perché nel romanzo, rispetto alla serie animata,ha una crescita personale meno rilevante e per metà libro non fa altro che frignare e dare ordini.I personaggi di contorno sono ben delineati e suscitano nel lettore una buona dose di empatia. Ci si affeziona al garzoncello, si tifa per Tanda e si spera di poter avere una nonna tosta come Torogai!

    Anche se con una leggerezza legata al target del romanzo, il libro tratta diversi argomenti intriganti, come il rispetto delle tradizioni, la differenza tra tradizione scritta e tradizione orale e come spesso la storia venga scritta dai vincitori a loro favore, un tema quanto mai attuale ed importante. La scrittura scorre bene e la traduzione è senza infamia e senza lode ( anche se sarei curioso se anche in originale Torogai viene scambiata per un uomo all’inizio).

    Una lettura promossa, ma con un po’ di amarezza, perché non sapremo mai come continueranno le avventure di Balsa.

    PERCHE’ GUARDARE L’ANIME?: perché offre tanto di personale degli autori e aggiungono pathos ed eventi alla trama. Il rapporto tra Chagum e Balsa è molto più profondo nell’anime e viene sviluppato bene, con tante scene di vita quotidiana. Chagum ha molto più spazio e lo si può seguire in una vera crescita personale e psicologica. Seguendolo nel suo percorso animato, lo si vede proprio maturare e diventare un ragazzo per bene, scrollandosi di dosso l’etichetta di principe frignone e capriccioso.

    Dovrei aver detto tutto! E’ stato proprio bello da leggere e attendo il prossimo libro della sfida!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...