L’anima (quasi) persa delle librerie

È un lunedì mattina caldissimo e mi trovo a Termoli, una piccola città del Molise che sento mia non per natalità, ma per amore.

Ho un’ora e mezza da perdere tra un impegno e l’altro e decido di rintracciare l’unica libreria del centro per poi mettermi a leggere un libro sulla spiaggia. Sì, avete letto bene, l’UNICA libreria.

Entro in questo splendido angolo di cultura che si chiama Il Ponte e comincio ad aggirarmi fra gli scaffali felice come una pasqua. Non solo è molto ben fornita, ma si respira quell’aria di intimità col libro che non si riesce ad avvertire nelle grandi librerie.

Mentre sto ancora decidendo cosa comprare entra un bambino sugli 11/12 anni. “Ciao, vorrei un consiglio.” Io mi volto, già incuriosita. “Un consiglio di lettura?” “Sì, un libro sulla guerra da leggere per scuola.”

Il signore che era alla cassa lo porta in un angolo della libreria, afferra un libro da uno scaffale in alto e glielo porge dicendo “Questo è bello, fidati, l’ho letto anch’io!” A questo punto ho le lacrime agli occhi; una scena così non la vedevo da anni.

Alla fine il ragazzino se ne va soddisfatto e io mi avvicino alla cassa per pagare il mio libro (mi sono arresa alla mia passione per i thriller scandinavi). A quel punto chiedo come se la passano in una libreria indipendente.

“Ah, a me fa sempre ridere che io non ho mai deciso di essere una libreria cosiddetta indipendente, mi ci hanno fatto diventare!” Chi mi risponde, fra il malinconico e il divertito, è il signor Luigi, il proprietario.

Mi fermo a parlare e lui mi racconta molte cose interessanti. Mi conferma che è difficile lavorare nel mondo dell’editoria che col tempo si è trasformato in un monopolio o quasi: dall’editoria alla distribuzione i giganti sono solo due: Mondadori(che distribuisce anche Feltrinelli) e Messaggerie libri (sue sono Ubik, IBS e Il Libraccio, per intenderci).

È per questo che la sua libreria è diventata “indipendente”. “Sono contenta che riusciate comunque a stare aperti!” dico con sincero entusiasmo. “Ci salvate voi donne e i bambini! Le donne leggono molto di più, siete proprio superiori.” si lascia sfuggire Luigi.

Ma non c’è da disperare, Il Porto è una libreria fiera di sé stessa. È stata scelta per il sesto anno consecutivo come libreria di riferimento per il Molise per il premio SuperMondello!

Cos’è il premio Mondello? Se non lo sapete non siete gli unici, purtroppo non è molto conosciuto. Trovate tutte le informazioni sul sito ufficiale. Comunque, per darvi un’idea, viene scelta UNA SOLA libreria per regione e queste librerie, particolarmente attive sul territorio, scelgono 5 lettori per far parte della giuria e decidere chi vincerà il SuperMondello. Si sente la mancanza di questo stretto legame fra “industria” del libro e lettore.

Layout 1

A questo punto il signor Luigi si sente di consigliarmi un libro proprio come aveva fatto poco prima col bambino e io, sinceramente, non aspettavo altro. Va a prendermi un libro dal titolo “Città distrutte” e dice che dietro c’è una storia carina.

È il libro che ha vinto il primo anno in cui hanno fatto parte del Mondello ed è una raccolta di biografie inventate, ma incentrate su personaggi realmente esistiti. Uno di questi? Un compaesano del signor Luigi che è di Santa Croce… che è il paese da cui viene il padre del mio ragazzo, motivo per cui sono a Termoli.

Io compro il libro e il cerchio si chiude.

P.s. Questo è il loro sito: http://www.libreria.termoli.cb.it/ e li trovate anche su Facebook!