Perché non ho aperto il mio calendario dell’avvento per quasi una settimana

In un modo o nell’altro questo blog è diventato un’estensione di me. Una piccolissima parte di World Wide Web che è tutta mia. Per questo sento che sia giusto scrivere due righe su un avvenimento triste e che un po’ mi ha cambiato.

Chi mi segue sulla pagina Facebook si sarà (forse) accorto che per diversi giorni non ho condiviso la coccola giornaliera del mio calendario dell’avvento. Il motivo è che il 13 dicembre è venuta a mancare mia nonna.

Era l’ultima nonna che avevo. Questa cosa mi ha colpito profondamente.. c’è stato un momento, in mezzo allo shock e alla tristezza, in cui ho avuto questo pensiero lancinante: ora non ho più nonni.

Forse sbaglio, ma in qualche modo questa cosa mi è parsa come un momento “di passaggio” della mia vita. È forse questo il momento in cui smetto di essere una bambina?, mi sono chiesta. Non ho trovato una risposta a questa domanda.

Mia nonna era una persona incredibile, una nonna diversa da tutte le altre, e mi ha voluto un gran bene.

Questi sono gli avvenimenti per cui istintivamente ci blocchiamo e mettiamo in pausa la nostra vita, ma bisogna ricordarsi che tutte le persone che ci hanno voluto bene, anche se non ci sono più, vorrebbero solo vederci andare avanti e fare del nostro meglio per essere felici.

Il futuro è ancora lì, dietro l’angolo, ad aspettarci. Dobbiamo andargli incontro con tutta la gioia che possiamo!

Mando un abbraccio a tutti quelli che hanno nonni nei loro cuori! ❤️